Roma Urbs Mundi 2015: scheda tecnica

Dopo nove anni torna la ROMA URBS MUNDI che, in realtà, solo formalmente è stata assente dai calendari podistici di Roma. La gara, nata come mezza maratona il 31 ottobre 1999 per sostituire la Roma Ostia (che poi già dall’anno successivo avrebbe ripreso il suo percorso di crescita), si è corsa con questa denominazione fino al 2006 (ad esclusione del 2004 in cui non venne disputata).

Nel 2007 lo stretto rapporto con la FAO ne ha cambiato il nome in RUN FOR FOOD per poi assumere definitivamente, a partire dal 2012, quello di HUNGER RUN. Per il 2015, con la FAO impegnata con l’EXPO di Milano ed esclusa l’eventualità che si decidesse di non organizzarla, la gara è tornata al suo nome originario di sedici anni fa.

Quello che non è cambiato con gli anni, è lo scenario unico del Centro di Roma all’interno del quale si sviluppa il percorso: le Terme di Caracalla, il Circo Massimo, Piazza Venezia, il Colosseo, l’arco di Costantino, le Mura Ardeatine, la Piramide; di certo un tracciato non semplice visti i numerosi tratti con i sampietrini e i non trascurabili dislivelli altimetrici insoliti per una gara cittadina.

La partenza avviene dalla corsia centrale di Via delle Terme di Caracalla direzione Centro e, dopo aver costeggiato il Circo Massimo prima e il Teatro di Marcello poi, si arriva, poco prima del 2° Km, a Piazza Venezia. I successivi due km si snodano tra Via dei Fori Imperiali, il periplo quasi completo del Colosseo e via di San Gregorio fino a tornare, al 4°km circa, in zona Caracalla.

Un passaggio da corsia laterale a centrale, e viceversa, con un nuovo passaggio sotto l’arco di partenza e avviene la separazione tra competitiva e non competitiva che termina il suo percorso all’esterno dello Stadio.

A questo punto inizia una seconda parte di gara piuttosto impegnativa dapprima su Viale delle Terme di Caracalla in salita verso le Mura Ardeatine e poi in andata e riorno lungo una ondulata Via Baccelli. Ripresa per un brevissimo tratto Via delle Terme di Caracalla, si prosegue costeggiando le mura prima che inizino circa 800 mt di discesa, lungo Viale di Porta Ardeatina, che portano fino a Piazzale Ostiense al cospetto della Piramide Cestia.

Ed è l’ora di Viale Giotto, croce e delizia degli allenamenti di tanti podisti romani: 550 mt al 5% che percorsi all’ultimo Km di gara potrebbero essere determinanti per il proprio riscontro cronometrico. Terminata la salita, dopo un centinaio di metri in piano, iniziano i 400 mt in discesa su Via Baccelli che conducono all’ingresso dello Stadio delle Terme. Circa 100 mt di pista in senso orario ed ecco l’arco di arrivo!

La gara è organizzata interamente dal G.S. Bancari Romani e molti atleti del gruppo ricoprono ruoli sia di coordinamento all’interno del Comitato Organizzatore che operativi e di supporto nei vari settori. Pertanto risulta ben gradita la collaborazione sia dei Bancari che non gareggiano (al riguardo si ricorda che sarà assegnato un punto di quantità in alternativa a quello eventualmente conseguito al 3.000 per Andrea) sia dei loro familiari e amici.

Commenti

Commenti

Lascia un commento